Quinews Radio Bruno Toscana

Ac Pisa 1909

Pisa cambia calendario 39° giornata

La Lega Nazionale Professionisti serie B ha stabilito l’anticipo a giovedì 18 maggio dell’ultima giornata di campionato per permettere alle squadre che poi saranno impegnate in Playoff e Playout di avere qualche ora in più di recupero. Così cambia, dunque, anche il calendario del Pisa 39° giornata.
Bari-Pisa (sabato 29 aprile, ore 15.00) 40° giornata. Pisa-Cittadella (lunedì 8 maggio, ore 20.30) 41° giornata. Spezia-Pisa (sabato 13 maggio, ore 15.00) 42° giornata. Pisa-Benevento (giovedì 18 maggio, ore 20.30)

Gennaro Gattuso non sarà il tecnico del Pisa in Lega Pro

  Gennaro Gattuso non sarà il tecnico del Pisa in caso di retrocessione in Lega Pro. A svelarlo è il patron nerazzurro Giuseppe Corrado in un'intervista al Tirreno: "Gattuso ha detto più volte che non farà la Lega Pro, quindi quando ripartiremo lo faremo senza di lui. Da un mese e mezzo stiamo già lavorando ad un piano alternativo. La salvezza è ormai un miraggio, ma non molliamo. Con mio figlio, insieme al ds Ferrara, stiamo lavorando ad un ipotetico piano alternativo. Non vogliamo farci trovare impreparati ed iniziare presto. Il tempo lo abbiamo, servono giocatori adatti alla categoria. Vogliamo stare in Lega Pro il meno possibile".

Fonte: Tuttolegapro

Rino Gattuso: "Pensiamo prima a onorare questo campionato, poi vedremo il resto. Ma un primo tempo come oggi è stato davvero imbarazzante"

Al Pisa non basta il pareggio contro la Pro Vercelli, la classifica parla adesso di un ultimo posto. A margine del confronto, a parlare alla stampa, è mister Rino Gattuso:

“Il primo tempo è stato imbarazzante, la squadra era senza logica, ma ieri alla rifinitura abbiamo avuto problemi perché si è fatto male Tabanelli, si è stirato tirando un calcio d’angolo, e questo ha ovviamente cambiato i programmi, e lo stesso è capitato a Manaj, che ha avuto un problema al polpaccio. Oggi poi qualche episodio ci ha danneggiato, anche il rigore è stato per me generoso, ma nel secondo tempo siamo migliorati: paghiamo però tutto quello che sta succedendo, compreso le altre squadre che fanno punti”.

Sul modulo inizialmente adottato: “La squadra non digerisce la linea a tre, poi ho dovuto cambiarla, ma la Pro Vercelli gioca in modo simile alla Spal, ed è per questo che inizialmente ho optato per il modulo che avete visto. Non ce l’abbiamo fatta, quindi ho preferito cambiare, per provare a mettere in difficoltà l’avversario. I cambi ci hanno poi dato qualcosa in più”.

Allargando il discorso: “Il nervosismo più grande è vedere prestazioni come il primo tempo, non vi nego che anche negli spogliatoio c’è stata tantissima tensione. La società comunque è forte e presente, Pisa il Pisa non è Rino Gattuso, ma sapete come io sia legato alla città, però la priorità adesso è onorare questo campionato fino in fondo, poi ci metteremo a sedere e parleremo. Con la Lega Pro Pisa non c’entra nulla, c’è prima da capire cosa non ha funzionato, e tanti demeriti li ho io, parecchie scelte le ho fatte io”.

E sul futuro: “Non è ora il momento di parlare, io ho rispetto per questa piazza e per il mio lavoro, in questo momento non è precluso niente, c’è solo da pensare prima a finire il campionato. Poi con lucidità parleremo di quello che sarà, anche per quel che concerne il mio staff”. 

Fonte:Tuttopisa

Pisa-Pro Vercelli 1-1: Cani risponde a Comi, ma è un pareggio che serve a poco

Primo tiro verso la porta di Morra, bloccato senza problemi da Ujkani. Il Pisa risponde con un calcio di punizione alto di Peralta. Ci prova anche Masucci ma è la Pro Vercelli sblocca il risultato poco prima del quarto d’ora. Cross di Altobelli deviato con la mano da Del Fabro: è calcio di rigore. Ujkani intuisce la conclusione dal dischetto di Comi, ma non riesce ad arrivarci. La reazione nerazzurra è racchiusa in una girata con poca convinzione di Longhi. I piemontesi sfiorano il raddoppio sull’asse Morra-Comi, salva Ujkani. Sul finire di frazione Gattuso toglie Milanovic per inserire Gatto, passando al 4-2-4. Ad essere pericolosa però è solo la formazione ospite, con Comi vicino al gol di testa. A inizio ripresa Mannini prende il posto di Masucci. Al 62’ clamorosa occasione per Del Fabro, che sul cross di Gatto colpisce troppo debolmente di testa, spedendo la sfera tra le braccia di Provedel. Gattuso si gioca anche l’ultima carta Cani: il centravanti albanese trova subito la rete con un bel diagonale dentro l’area piccola e poco dopo si rende ancora pericoloso di testa, senza però inquadrare lo specchio. Il Pisa si riversa in avanti alla ricerca del successo: Lazzari cerca la soluzione dalla distanza con palla sopra la traversa ma è ancora Cani a sfiorare il raddoppio con un gran sinistro dal limite, che esalta i riflessi di Provedel. Nel disperato assalto finale il numero 9 nerazzurro ci prova altre due volte di testa, senza fortuna. I nerazzurri tornano a muovere la classifica ma è un pareggio che serve a poco.  

PISA-PRO VERCELLI 1-1

PISA (3-4-1-2): Ujkani; Del Fabro, Milanovic (35' Gatto), Lisuzzo; Golubovic, Lazzari, Di Tacchio, Longhi; Peralta (70' Cani); Masucci (56' Mannini), Lores. A disp. Cardelli, Verna, Birindelli, Angiulli, Zonta, Zammarini. All. Gattuso

​PRO VERCELLI (3-5-2): Provedel; Konate, Bani, Legati; Germano, Altobelli, Vives (63' Castiglia), Emmanuello, Eguelfi; Morra (69' Starita), Comi (73' La Mantia). A disp. Zaccagno, Berra, Negro, Nardini, Osei, Aramu. All. Longo

ARBITRO: Pezzuto di Lecce 

MARCATORI: 14' rig. Comi (PV), 74' Cani (PI)

NOTE: Angoli: 5-3. Ammoniti: Di Tacchio (PI), Vives (PV), Morra (PV), Konate (PV), Lazzari (PI). Recupero: 1' pt. / 4' st.

Fonte:Tuttopisa

Pisa-Pro vercelli le probabili formazioni

Pisa-Pro Vercelli le probabili formazioni 25 aprile 2017


Pisa-Pro Vercelli le probabili formazioni 25 aprile 2017

Non conosce sosta la maratona sportiva che risponde al nome di Serie B. Dopo l’amara sconfitta di due giorni fa a Trapani, è già tempo di vigilia per il Pisa, che domani, 25 aprile (ore 15), sfiderà la Pro Vercelli all’Arena Garibaldi nella 38ª giornata di campionato. Il terzo 1-0 consecutivo subito dai nerazzurri condanna la squadra di Gattuso a giocare con il pesante fardello dei sette punti di distanza dalla zona playout, e la consapevolezza di scendere in campo più per onorare la maglia e la presenza dei settemila che anche domani assisteranno alla gara, che per credere realmente nella rimonta in classifica. Davanti si troveranno una compagine partita con lo stesso obiettivo del Pisa, la salvezza, e già quasi arrivata al traguardo, visti gli attuali 46 punti.

QUI PISA. Gattuso ritrova Lisuzzo dopo il turno di squalifica osservato in occasione della trasferta a Trapani. La settimana anomala, con tre impegni ravvicinati (il prossimo turno sarà sabato 29 a Bari), impone al tecnico nerazzurro di fare le dovute valutazioni sulla brillantezza atletica e mentale degli uomini a sua disposizione. Davanti ad Ujkani, ovviamente confermato tra i pali, Longhi è chiamato agli straordinari sulla fascia sinistra. In mezzo Lisuzzo affiancherà Del Fabro, con Golubovic a completare la linea difensiva. In mezzo al campo sarà difficile fare a meno di Di Tacchio, nonostante anche il colosso con il numero 6 necessiti di tirare un po’ il fiato. Ai suoi lati probabile l’inserimento dal primo minuto di Tabanelli, e la presenza di uno fra Angiulli e Zammarini. In attacco le scelte e le possibilità abbondano: dopo aver osservato i compagni dalla panchina per tutta la partita, Manaj si candida per un posto da titolare. Non è da escludere uno schieramento con il doppio centravanti, con Cani a fungere da terminale di riferimento, e Peralta schierato in posizione di trequartista. Varela dopo i 90 minuti disputati in Sicilia partirà dalla panchina, mentre Mannini e Masucci restano in ballottaggio



Pisa-Pro Vercelli le probabili formazioni 25 aprile 2017

Le probabili formazioni:

Pisa (4-3-1-2): Ujkani; Longhi, Lisuzzo, Del Fabro, Golubovic; Zammarini, Di Tacchio, Tabanelli; Peralta; Cani, Manaj. All. Gattuso

Pro Vercelli (3-5-2): Provedel; Luperto, Bani, Legati; Berra, Altobelli, Castiglia, Palazzi, Eguelfi; La Mantia, Aramu. All. Longo