Quinews Radio Bruno Toscana

Verso Real Madrid-Fiorentina: seguitela su Radio Bruno

Domani, Mercoledì 23 agosto alle ore 22,45 la Fiorentina giocherà in amichevole a Madrid contro il Real, in occasione del trofeo Santiago Bernabeu. Una partita speciale, a 60 anni dalla storica finale di Coppa dei Campioni fra i Blancos e i Viola, nella quale fu determinante un rigore contestato per la vittoria degli spagnoli. La prestigiosa partita sarà trasmessa in diretta Tv da Canale 5 ma verrà seguita ovviamente con molta attenzione anche da parte nostra: basterà infatti collegarsi sulle frequenze di Radio Bruno dedicate ai viola per ascoltare in diretta le vicende dei ragazzi di Pioli nel proibitivo scontro contro Cristiano Ronaldo e soci.

Inizia male il campionato della Fiorentina: l'Inter vince 3-0

L'Inter vince tre a zero contro la Fiorentina in questo match d'esordio di Serie A. La squadra di Spalletti nel primo tempo trova due gol grazie a Icardi: uno su rigore e uno su colpo di testa. Nella ripresa la Fiorentina sfiora più volte gol del due a uno, soprattutto con un palo colpito da Veretout. Nel finale, però, su assist di Joao Mario, Perisic trova un gol con un preciso colpo di testa in tuffo. L'Inter vince e convince nel primo match della stagione davanti ai propri tifosi. Pessimo inizio di stagione invece per gli uomini di Pioli, il quale dovrà ancora lavorare per trovare il miglior assetto a una squadra costruita nelle ultime settimane.

Pioli: "Ho una squadra con le caratteristiche che cercavo: talento e motivazioni"

Nella sala stampa "dello stadio Franchi "Manuela Righini" Stefano Pioli ha tenuto la prima conferenza stampa pre-partita della stagione, in vista di Inter-Fiorentina. Di seguito le parole del tecnico.

Che squadra sarà - Sarà una Fiorentina che affronterà un avversario forte ma che giocherà con le proprie caratteristiche e forze sapendo che abbiamo lavorato bene nonostante le insidie che per noi saranno maggiori

Giocatori nuovi - Solo Pezzella è in ritardo perché si è allenato solo oggi con noi, ma sta bene fisicamente come tutti gli altri arrivati in settimana. Poi faremo le scelte per giocarcela.

Obiettivi - Non possiamo sapere dove arriveremo, però dobbiamo essere ambiziosi partita dopo partita. Abbiamo preso giovani di talento e con ambizione. Dobbiamo ragionare con la mentalità di chi vuole provare a vincere ogni singola partita. Alla fine vedremo dove saremo arrivati.

Modulo - Dentro un sitema di gioco possiamo cambiare tenendo conto delle nostre caratteristiche ma anche di quelle degli avversari ma saremo prima di tutto ordinati ed equilibrati

Sensazioni da ex - Sarò emozionato ma per la nuova avventura ed è giusto così, il passato è alle spalle e mi interessa vedere che risultati ci potrà dare il lavoro fatto. Non so cosa proveranno gli altri ex e mi interessa anche poco.

Var  - Ero preoccupato prima dell'incontro con Rosetti. Lui è stato molto chiaro e le norme sono molto semplici. Mi è piaciuto anche Rizzoli che ha detto che gli interventi dovranno essere limitati. Può essere un sostegno importante perché gli errori gravi potrebbero scomparire. Ci vorrà pazienza e più si velocizzerà la questione e meglio sarà. Sono curioso e penso che potrà essere un buon aiuto.

Babacar - Sono interessato a schierare la formazione più adatta. Babacar non ha fatto un pre campionato eccezionale ma non posso pensare al passato e a perché non abbia giocato con continuità finora. Domani giocherà chi se lo meriterà. Dipenderà da lui e dai compagni. Mi prendo ancora la nottata e domani mattina per decidere.

Mercato - Squadra quasi completa e con le caratteristiche che cercavo, giovani di talento e motivazioni. Ma da adesso parlerà il campo. Ora ci sono incognite per tutti, per noi ancora di più ma ci siamo preparati bene e cercheremo di essere all'altezza fin da domani.

Avversari temuti - Molte italiane hanno fatto un buon pre-campionato, l'Inter è una conferma al buon lavoro di Spalletti ma individuare un solo avversario tra le qualità che ha è riduttivo.

Kalinic - Sapevamo di avere situazioni che prima avremmo concluso meglio sarebbe stato, anche per il ragazzo. Certo è che per la professionalità i comportamenti dovevano essere altri ed evidentemente in questo caso qualcosa non è andato ma sapevamo che si poteva andare in questa direzione.

Della Valle - Li ho sentiti ieri, non potranno venire allo stadio ma ci saranno vicini come sempre

Dubbi formazione  - Non credete a tutto quello che dico sulla formazione. Badelj sta molto meglio, convocato, Saponara sta alternando lavoro di squadra e personalizzato. Simeone è carico e molto orgoglioso di iniziare. Abbiamo fatto con tutti un buon lavoro, so cosa posso aspettarmi e viceversa, su Icardi e interisti ci penserà l'altro allenatore

Giovani - Possono dare più coraggio e ingenuità e se per squadra sbarazzina intendiamo una squadra anche vogliosa di mettere sul campo le qualità, la generosità ecc la strada è quella. Comunque abbiamo una buona miscela tra giovani di talento ed esperienza. Ma da domani capiremo quali sono le cose da migliorare

Rinnovo Corvino - Credo che i rinnovi di Corvino e Freitas vogliano indicare continuità e programmazione e se rinnovano i direttori può essere rinnovato anche l'allenatore (ride)...

Sindaco e città - Il suo saluto ci ha fatto piacere perché rappresenta una città. Rappresentiamo non un solo colore ma una città intera, questo ci riempie di orgoglio e questo le sapevamo già. Avremo entrambi una partita difficile, noi sul campo e lui sullo stadio.

Pezzella arriva a Firenze e spiega il suo addio al Betis

German Pezzella, nuovo difensore della Fiorentina, ha voluto precisare le modalità del suo addio tramite un post su Instagram: "Di fronte a tante versioni ho deciso di esprimermi: ad inizio mercato il Betis ha ricevuto due offerte, da Amburgo e Zenit. Il club era sincero con me e disse di restare perché ero importante nel progetto a lungo termine della squadra. Io ho accettato felicemente, e mi hanno acquistato totalmente dal River. Non ho seguito gli interessi personali, e ho rinnovato il contratto con tanto di clausola, ma a pochi giorni dall'inizio della stagione ho scoperto, parlando con il mister, che il mio ruolo sarebbe stato diverso da quello che mi avevano promesso. Allora ho preso una decisione: i miei mi hanno sempre insegnato ad essere sincero ed andare avanti, e voglio mettere fine a tutte le speculazioni. Ora devo andarmene per almeno un anno, poi si vedrà. Ma non potevo farlo senza lasciare un eterno ringraziamento per essere stato parte del Betis e di aver indossato quella maglia. I miei auguri al club: se otterrà risultati sarò felice con voi. Grazie alle persone, che mi hanno dimostrato un affetto che mi porterò sempre dietro. Grazie ai colleghi che ogni giorno mi hanno aiutato a crescere per diventare una persona migliore. Un abbraccio forte, German"

Fonte: FIRENZEVIOLA

E' fatta per Kalinic al Milan: ecco le cifre

Kalinic al Milan, ci siamo. Secondo quanto raccolto la Fiorentina pochi minuti fa ha accettato l'offerta del Milan. Prestito oneroso da 5 milioni, con obbligo di riscatto fissato a 20 milioni di euro. Adesso Kalinic, che è in Croazia, è atteso a Milano nelle prossime ore per le visite mediche. 

Il messaggio è arrivato. Lo attendeva da giorni, restando incollato al suo smartphone. “Hanno trovato l’accordo. Giocherai a San Siro”. Questo il testo dell’sms che Kalinic ha ricevuto intorno alle 19. Adesso avrà un paio di giorni per metabolizzare la notizia e godersi la sua Spalato, consapevole di aver esaudito il sogno di giocare nel Milan. Ha puntato i piedi, dimostrando coerenza e coraggio, ma anche scarsa professionalità. Ha ottenuto ciò che voleva e ora è pronto per iniziare l’avventura in rossonero. Non da subito però, le visite mediche infatti potrà svolgerle soltanto dopo la scadenza del certificato che nella giornata di oggi ha mandato alla Fiorentina. Giovedì potrebbe essere la giornata giusta per l’ufficialità.

Una trattativa lunga e complessa. Durata più di due mesi e resa ancora più complicata dalla posizione irremovibile del giocatore. Secondo quanto emerso nelle ultime ore, la trattativa con il Milan è stata seguita in prima persona dal presidente esecutivo Mario Cognigni. L’opzione del prestito oneroso a 5 mln con obbligo di riscatto a 20, ha convinto la Fiorentina che nel corso delle settimane è stata costretta ad abbassare la richiesta iniziale di 30 mln.

Nei prossimi giorni l’operazione verrà definita nei dettagli, bonus compresi, ma la stretta di mano fra le parti c’è già stata. Kalinic sarà un nuovo giocatore del Milan, questione di giorni. Come per Bernardeschi però, l’ufficialità dovrà essere rimandata a dopo la scadenza del certificato medico. 

Fonte: FIRENZEVIOLA.IT

Corvino rinnova il contratto: sarà viola fino al 2020

Questo il comunicato apparso su ViolaChannel, sito ufficiale dell'ACFFiorentina:

Corvino ancora in viola. Almeno fino alla stagione sportiva 2019/2020. La Fiorentina ha esercitato l'opzione a suo favore con il direttore generale dell'area tecnica che continuerà la sua collaborazione con il club per un nuovo periodo. Un'avventura ricominciata lo scorso anno con un sodalizio che ora si rinnova, legando la società al dirigente sportivo Pantaleo Corvino, nella piena soddisfazione delle parti. A lui i migliori auguri per un proficuo lavoro.