Quinews Radio Bruno Toscana

Verso la Sampdoria, turnover sì ma non troppo: riposa Thereau, spazio a Gaspar

Pioli sceglierà solo oggi, ma l’undici di partenza non sarà stravolto

Sul Corriere Fiorentino si parla della probabile formazione viola contro la Sampdoria in Coppa Italia. Pioli sceglierà solo oggi, ma l’undici di partenza non sarà stravolto. Tutti i reparti saranno toccati dal turnover, ma senza cambiare l’assetto. In difesa Gaspar potrebbe far rifiatare Laurini, al centro la novità potrebbe essere Hugo. In mediana possibile chance per Sanchez, davanti per Babacar e Gil Dias. Per Saponara, invece, non è da escludere un impiego a gara in corso.(violanews.com)

Stadio: summit da Diego. Il mercato e le strategie di Corvino e Pioli

Alla proprietà viola piace la nuova gestione tecnica. Corvino e Pioli potrebbero andare presto a Milano a incontrare il patron e pianificare il mercato

Sulle pagine di Stadio ci si proietta verso il prossimo mercato invernale della Fiorentina. Ieri, oltre a Salica e Corvino, era presente anche Pioli al classico con la stampa organizzato dalla società viola. Il tecnico si è lasciato sfuggire il prossimo incontro con i patron. Fine dell’Aventino? Questo per il momento no, ma sarà proprio lui – assieme al dg – ad andare a Milano a parlare con i fratelli Tod’s. Per far decollare la fase 2, dopo aver gettato le fondamenta di questa estate, ci sarà il tempo per studiare come migliorare la squadra viola.

Fonte foto e notizia:violanews.com

PIOLI (SKY), Viola, che personalità: rosa di qualità

Queste la parole di Stefano Pioli, tecnico della Fiorentina, ai microfoni di Sky nel post partita di oggi: “Abbiamo fatto una buona partita, gli attaccanti davanti hanno fatto un ottimo lavoro, il Napoli ci ha fatto correre molto. Il mio lavoro è andare oltre il risultato della partita e della prestazione: la squadra c’è, produce un calcio offensivo. Siamo cambiati tanto, siamo giovani: la società mi ha messo a disposizione una rosa di qualità: stiamo facendo un buon lavoro. Il gioco di adesso un mese fa? Di solito non siamo più ambiziosi rispetto al gioco che abbiamo fatto oggi: abbiamo fatto una pressione più bassa del solito perché volevamo avere profondità. Gli errori in attacco? Avevamo davanti una squadra compatta, è stato difficile sorprendere gli avversari. L’assenza di Insigne è stata pesante perché può risolvere tanti 1 vs 1: il Napoli ha perso brillantezza ma voglio dare meriti alla mia squadra per la personalità che ha avuto. Questo è un passo in avanti importante per noi”.

Napoli-Fiorentina 0-0

La squadra di Sarri perde l'opportunità di tornare in vetta da sola: i viola giocano senza paura e strappano un preziosissimo pareggio. Di Zielinski, che colpisce pure un palo, e Mertens le occasioni migliori create dagli azzurri, alla terza partita di fila senza vittoria.

0-0 tra Juventus e Inter, 0-0 la Roma. E 0-0 fa pure il Napoli, che non scarta il gentile regalo natalizio offertogli da tutte le concorrenti dirette sbattendo contro una Fiorentina in versione guastafeste. Un pari senza reti che conferma in pieno le difficoltà di una squadra che, nelle ultime settimane, si è inceppata in attacco dopo le abbuffate di gol delle prime giornate. Senza GhoulamInsigne gli azzurri soffrono in particolare a sinistra, anche se è da lì che arriva l'occasione più importante del match (palo di Zielinski). Merito di una Fiorentina splendidamente organizzata da Pioli, messa meglio fisicamente e capace di tenere con personalità per tutti i 90 minuti. Se i viola confermano i progressi delle ultime giornate, i partenopei mancano il balzo triplo verso la vetta solitaria: tutto rimane come alla vigilia, con l'Inter prima, il Napoli stretto in mezzo e la Juventus terza. A Torino, tra meno di una settimana, urge ripartire.

La cronaca

Napoli subito in pressione e vicino al gol al 6': Mertens per l'accorrente Jorginho, che da ottima posizione calcia alle stelle. Poi, però, esce la Fiorentina. E gli azzurri perdono la bussola. I viola andrebbero pure a segno all'11', ma sull'incursione di Thereau viene fischiato correttamente un fuorigioco di Simeone. Anche Benassi si fa vedere dalle parti dello spagnolo, che blocca a terra il destro incrociato dell'ex granata. Per tutto il primo tempo si prosegue così, con gli azzurri che sbagliano ingabbiati e i viola ottimamente messi in campo. E ancora a un passo dal vantaggio a pochi minuti dall'intervallo: Reina si oppone però alla conclusione ravvicinata di Simeone, che pochi secondi dopo si ripete imbeccando il portiere avversario con un colpo di testa troppo centrale. Nella ripresa è un altro Napoli, almeno come pericolosità: dopo un paio di minuti Allan lancia nello spazio Zielinski, che davanti a Sportiello calcia male non centrando la porta. Ancora Zielinski protagonista al 55', in quella che è probabilmente la chance più netta dell'intero match: il polacco ha sul sinistro la palla dell'1-0, ma Sportiello e il palo gli dicono di no. E Hamsik, poco dopo, dà l'illusione della rete lasciando impietrito il guardiano viola ma mancando il vantaggio per pochi centimetri. Prosegue Callejon, impreciso di testa, e chiude Mertens: Allan lo manda in porta, ma il belga non sa far altro che sparare addosso a Sportiello. Il finale è confuso: Sarri spedisce in campo Ounas e Rog, ma il guizzo decisivo non arriva. La Fiorentina si difende bene e porta a casa uno 0-0 preziosissimo. Per il Napoli è tempo di pensare a quel che non va.

Il tabellino

Napoli (4-3-3): Reina; HysajAlbiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan (76' Rog), Jorginho (82' Diawara), Hamsik; Callejon, Mertens, Zielinski (74' Ounas). All. Sarri

Fiorentina (4-3-3): Sportiello; Laurini (79' Bruno Gaspar), Pezzella, Astori, Biraghi; Benassi, Badelj, Veretout; Chiesa (73' Gil Dias), Simeone, Thereau (67' Sanchez). All. Pioli

Arbitro: Michael Fabbri di Ravenna

Gol: -

Note: ammoniti Badelj, Veretout, Diawara, Gaspar, Callejon, Rog

 

Pioli: “Solo giocando bene possiamo battere il Napoli. Ringrazio Cognigni per gli apprezzamenti”

“Non è il nostro momento migliore, prima del Sassuolo qualcuno parlava di una squadra in difficoltà, lavoriamo per crescere, vogliamo dare continuità. La partita di domani sarà difficile perché il Napoli è forte e le grandi squadre sanno subito reagire, ma noi metteremo in campo tutte le nostre possibilità”

Vigilia di campionato per la Fiorentina, impegnata domani alle 15 al San Paolo contro il Napoli. Il tecnico viola Stefano Pioli ha parlato così in conferenza stampa:

“Non è il nostro momento migliore, prima del Sassuolo qualcuno parlava di una squadra in difficoltà, lavoriamo per crescere, vogliamo dare continuità. La partita di domani sarà difficile perché il Napoli è forte e le grandi squadre sanno subito reagire, ma noi metteremo in campo tutte le nostre possibilità.Dobbiamo giocare bene per battere il Napoli, non abbiamo altre possibilità. Il Napoli aggredisce molto, dovremo giocare un calcio preciso sul piano tecnico e tattico.

Il Napoli ha giocato bene contro la Juve, ha una sua identità ben precisa, i giocatori interpretano bene le idee del tecnico. In Champions il Napoli ha giocato a mille all’ora. Dobbiamo aspettarci un Napoli convinto, dovremo rispondere pallone su pallone.

Dovremo essere bravi a saltare la loro pressione, non sarà facile, ma sarà un obiettivo della nostra partita. Se ci riusciamo, potremo far male al Napoli.

Servirà grande lavoro di squadra domani perché il Napoli fa tanto possesso palla, dovremo lavorare bene anche quando avremo noi la palla. Dovremo fare un’ottima fase difensiva, così come dovremo fare un ottimo sviluppo di gioco, un buon sviluppo di gioco non basterà, così come non basterà una buona fase difensiva.

Chiesa? Federico è dentro la partita di domani, nella sua testa non penso ci siano pensieri legati alle voci di mercato.

L’assenza di Insigne? E’ un grande giocatore, ma noi dovremo contare sulle nostre forze, ci dovremo mettere in discussione contro un avversario molto forte.

Favoriti? No, una settimana fa dicevate che il Napoli giocava il miglior calcio, vogliamo far bene, dovremo essere umili quando la palla ce l’avrà il Napoli, ma faremo di tutto per portare a casa un risultato positivo.

La partita con la Lazio è stata la più importante sul piano mentale perché abbiamo stretto i denti. Vogliamo mettere in campo domani le stesse situazioni di Roma. Non sarà facile rubare la palla al Napoli, dovremo difendere bene perché gli azzurri hanno tante possibilità.

Ci siamo preparati per impedire qualche situazione al Napoli, ma ci siamo preparati anche nel provare a far male al Napoli.

In rosa vorrei aggiungere giocatori tecnici e intelligenti. Nel calcio contano giocatori intelligenti e disponibili a giocare da squadra.

Le parole di Cognigni nei miei confronti? Fa sempre piacere quando ci sono degli apprezzamenti. Ringrazio il presidente, cerchiamo tutti di fare il miglior lavoro possibile per gettare le basi per una Fiorentina migliore.

Il mercato di gennaio? Non è questa la sede per parlarne, abbiamo la nostre idee, se ci saranno delle occasioni cercheremo di non farci trovare impreparati.

Sportiello? Sta disputando un buon campionato, ma può fare ancora meglio”.

 

Fonte:violanews.com

Cognigni: “Uno come Pioli serviva da anni. Momento difficile, ma nel 2018… “. Poi parla anche del gruppo

“Con questo gruppo vinceremo sicuramente. Dopo un anno un po’ tempestoso, il 2018 vedrà un arcobaleno dove il viola sarà il colore predominante”

 

Il presidente della Fiorentina Mario Cognigni è intervenuto nel corso della cena di Natale a Palazzo Vecchio, tenutasi ieri sera: “Vogliamo andare oltre gli ostacoli. Ringrazio mister Pioli, che è arrivato in un momento difficile, di passaggio. Quello che abbiamo subito apprezzato di lui è la sua normalità, che è la sicurezza di questo gruppo. Questo equilibrio sarebbe servito molti anni prima sulla nostra panchina. Siamo arrivati a Pioli qualche anno dopo ma ne siamo comunque assolutamente contenti. Il gruppo che è stato costruito è sicuramente giovane, ma importante. E’ un gruppo con la ‘G’ maiuscola, perché fa del coinvolgimento e della voglia di imparare due motivi in più per crescere continuamente.(violanews.com)