Quinews Radio Bruno Toscana

Promozione

Coppa Italia di promozione: le Badesse battono 4-2 il Maliseti Tobbianese, tripletta per l'attaccante Bucciarelli

  BADESSE (4-2-3-1): Ferrucci, Pagliantini (55' Bonechi), Voltolini, Fineschi, Signorini, Di Marco, Butini (83' Casini), Marchi, Bucciarelli, Pecchi, Guerrera (87' Bettini). A disp.: Pini, Falsetti, Buracchi, Mazzi. All.: Luca Alunno Corbucci.
MALISETI TOBBIANESE (5-3-2): Brunelli, Morbidelli, Marini, Di Noto, Del Bianco, Rossi, Rosi (75' Fasciglione), Amerighi, Cardillo, Landolina (78' Zambrano), Lorenzi (70' Scanavini). A disp.: Capecchi, Gianassi, Lulja, Zangirolami. All.: Riccardo Agostiniani.
ARBITRO: Canci di Carrara, coad. da Cappini di Arezzo e Conti di Firenze.
RETI: 5' Amerighi, 25' Cardillo, 63' Bucciarelli, 68' Bucciarelli, 72' Guerrera, 80' Bucciarelli.
NOTE: Serata fresca. Angoli 7-6. Ammonito Del Bianco, Bucciarelli, Cardillo, Voltolini. Espulso al 78' l'allenatore delle Badesse Alunno Corbucci per proteste. Recupero 1'+5'. Spettatori oltre 700.

Le Badesse si aggiudica la Coppa Italia di Promozione battendo per 4-2 il Maliseti Tobbianese di mister Riccardo Agostiniani. Non è bastato Cardillo, autore di una rete e di una buona prestazione per avere ragione della formazione aretina. Uno scatenato Bucciarelli (autore di tre reti) chiude la contesa e permette alla formazione di Alunno Corbucci di aggiudicarsi la prestigiosa Coppa. Adesso per le Badesse prosegue il sogno Eccellenza, accedendo al quadrangolare contro le vincenti dei play-off dei tre gironi (e giocherà contro la vincente dei play-off del Girone C).

Maliseti contro Badesse per la finale di Coppa Italia

  Maliseti contro Badesse, Agostiniani contro Alunno Corbucci, Cardillo contro Pecchi: sono tanti i motivi e gli spunti della finale di Coppa Italia di Promozione di mercoledì che si giocherà al "Bozzi" delle Due Strade di Firenze alle ore 20.45 (e almanaccocalciotoscano.it vi informerà ovviamente in tempo reale). Ma ciò che conta naturalmente di più è il trofeo che poi dà il diritto alla partecipazione al quadrangolare con le tre vincenti dei play-off per (almeno) un posto in Eccellenza 2017/18.
Maliseti e Badesse arrivano a questo match in buon condizioni e daranno vita sicuramente a una sfida vibrante e senza tatticismi. Ne sono certi i due allenatori.
"Stiamo bene - spiega Riccardo Agostiniani, alla settima (!) finale di Coppa, di cui quattro vinte (con Porcari due volte, Lanciotto e Montemurlo) - sia fisicamente che mentalmente. Avremo due assenze (gli squalificati Zoppi e Caggianese), ma siamo un'altra squadra rispetto a quella di dicembre. Se penso che il 7 gennaio avevamo 12 punti... e poi no abbiamo fatto altro che vincere (a parte le ultime due sfide di campionato), dico che abbiamo fatto passi da gigante! Il nostro è stato un girone di ritorno straordinario, siamo già salvi e dirlo due mesi sarebbe stata un'eresia. Il nostro morale è a mille e non potrebbe essere altrimenti!".
"Abbiamo vissuto una stagione - risponde invece Luca Alunno Corbucci, tecnico perugino ma ormai trapiantato a Siena da anni - con alti e bassi dal punto di vista mentale. Adesso però veniamo da due partite positive e quindi stiamo bene. Sono convinto che arriviamo a questa partita nel migliore dei modi, anche se abbiamo tre squalificati: Calà Campana, Lellis e Bruni. Assenze pesanti ma ho studiato qualcosa per colmare queste lacune...".
Cosa conoscete degli avversari?
"Abbiamo fatto visionare più volte le Badesse, - dice Agostiniani - anche se personalmente non li ho mai visti giocare. Potenzialmente è una squadra molto forte, che avrebbe dovuto recitare un ruolo da protagonista in campionato. Conosco Pecchi e Guerrera: sono forti davanti, ma alla fine è una finale e partiamo 50 e 50, senza favoriti".
"Abbiamo visto il Maliseti tre volte - confida Corbucci - e si tratta sicuramente di una buona squadra, molto compatta ed esperta: sarà sicuramente una bella partita".
Il Maliseti può contare sul migliore Cardillo di sempre, probabilmente.
"Gigi sta benissimo e quest'anno ha giocato poco all'inizio, ma poi quando è sceso in campo ha fatto sempre gol... Purtroppo siamo partiti male con il suo infortunio e quello di Strufaldi, abbiamo sbagliato 4 rigori: poi è scattato qualcosa e solo dopo la pausa natalizia abbiamo trovato continuità grazie anche al fatto che siamo andati a giocare a Oste: sul sintetico le cose sono andate molto meglio. Scenderemo in campo con la nostra identità di gioco ben chiara in testa: non la modificheremo in base all'avversario".
"In campionato - ribadisce Alunno Corbucci - potevamo e dovevamo fare meglio, visto anche il livello del girone... ma la Coppa è stata fin dall'inizio un mio obiettivo. Arriviamo in finale senza aver mai subìto gol in Coppa, eliminando squadre che in quel momento erano in testa come il S.Donato Acli o il S.Miniato B. Avremo tanti tifosi e questo ci spingerà!".

Fonte: Almanacco Calcio Toscano

Un "eurogol" di Lorenzo Sciapi porta il Fucecchio da solo in testa alla alla classifica

  Un eurogol di Lorenzo Sciapi porta il Fucecchio da solo in testa alla classifica a tre giornate dal termine. “Spero sia la giornata decisiva – ha affermato il fuoriclasse-. La gara era partita male. Ho sbagliato un rigore e per questo mi sentivo in dovere di combinare qualcosa”. Contro l’Atletico Etruria a pochi minuti dalla fine, su un cross di Gazzarrini, Mordagà fa la torre sul secondo palo per Sciapi e … “ho colpito la palla al volo troppo bene – racconta il bomber bianconero -.  Il portiere l’ha respinta col viso, la palla si è impennata, ho deciso di provare una sforbiciata ed è andata bene”. Il San Miniato non va oltre lo 0-0 in casa con il Donoratico, così il Fucecchio riesce ad allungare. Adesso sono tre i punti di vantaggio. “Non mi aspettavo un finale così – continua -. Credevo nella mia squadra fin dall’inizio ma non credevo che si potesse vivere un finale così bello con due squadre staccate rispetto a tutto il resto. Speriamo che l’epilogo sia il nostro successo. Ce lo meritiamo. Saimo una squadra con gli attributi. Siamo molto uniti e partita dopo partita lo stiamo dimostrando”. Sciapi e il Fucecchio: una scelta di vita si diceva in avvio di stagione: “Mi piacerebbe rimanere. Anche a dicembre ho declinato richieste importanti da categorie superiori perché avevo preso un impegno con la società. La mia disponibilità per il prossimo anno c’è poi nel calcio non si sa mai”. 

FONTE: Il Tirreno.

Antonio Facchi

Vaianese Impavida Vernio: Erio Vannucci chiude la collaborazione con la società pratese

L'ASD Vaianese Impavida Vernio rende nota la volontà di Erio Vannucci di chiudere la collaborazione dall'incarico a lui conferito ad inizio stagione come Direttore Sportivo. Queste le parole di congedo: "Un saluto a tutti: alla dirigenza, tecnici, giocatori, collaboratori e genitori con i quali ho condiviso valori sportivi". Il sodalizio viola-rossoblù desidera ringraziarlo per l'impegno dimostrato nel percorso svolto con la società. Fonte: Almanacco Calcio Toscano

Coppa Italia Promozione: la finale si giocherà mercoledì 5 aprile

Cambio di data per la finale di Coppa Italia di Promozione fra Maliseti Tobbianese e Badesse: la gara era inizialmente prevista per sabato 9 aprile, ma la convocazione del giocatore pratese Amerighi (classe 1998) con la Rappresentativa Regionale Juniores di Uberto Gatti, campione d'Italia in carica, in vista del Torneo delle Regioni (che inizierà domenica 10 aprile, con partenza alla volta del Trentino venerdì 8 aprile), ha consentito al Maliseti di chiedere lo spostamento. La nuova data decisa dal C.R.T. è quella di mercoledì 5 aprile alle ore 20.45 (sempre allo stadio "Bozzi" delle Due Strade di Firenze).
Ricordiamo che la vincente della Coppa Italia di Promozione accederà al quadrangolare con le tre vincenti dei play-off dei gironi per (almeno) un posto in Eccellenza 2017/18. Il numero dei posti a disposizione dipenderà ovviamente come sempre da quante squadre toscane retrocederanno dalla serie D: se fossero 4 come probabile (Grosseto e Poggibonsi già certe o quasi, molto probabile anche la Sangiovannese dopo la sconfitta di domenica, più al momento una fra Ghivizzano e Viareggio), allora ci sarà disponibile un solo posto per le quattro squadre del quadrangolare. Fonte: Almanacco Calcio Toscano

Girone A: 670 minuti d'imbattibilità per il Castelnuovo Garfagnana

670 minuti di imbattibilità per il Castelnuovo Garfagnana. La squadra di Micchi non subisce gol da ben 7 giornate. Dal più recente a quello più vecchio, gli avversari incontrati sono stati Firenze Ovest, Quarrata Olimpia, Sagginale, Aglianese, Lampo, Lammari e Staffoli. “Nella prima gara della serie a causa di un piccolo infortunio non ero in porta ma giocò l’altro portiere Satti – racconta l’estremo difensore titolare Diego Gonnella, classe 1987 -.  E’ una bella soddisfazione. Sette partite sono davvero tante ma è un traguardo da dividere con il reparto difensivo, con il centrocampo che ci dà protezione e anche con gli attaccanti che tornano a dare una mano quando c’è bisogno”. Per trovare l’ultima rete subita dalla corazzata bisogna andare alla 14’ giornata quando Cantoni portò in vantaggio la Pontremolese al 40’ nella gara vinta poi dal Castelnuovo per 3-1. L’ultima sconfitta risale addirittura al 6 novembre: il Lanciotto Campi sconfisse i garfagnini in casa con un rotondo 0-3. “Rispetto al brutto inizio di campionato, abbiamo sistemato le cose giocando a 3 dietro, tra cui c’è il giovane Da Prato che sta crescendo davvero tanto. Anche Casci, altro fuoriquota, sta facendo molto bene come esterno destro. Fondamentale è stato però il rientro in forma di Biagioni che corre per tre a centrocampo”, spiega ancora Gonnella. Dall’ultima sconfitta all’ottava giornata contro i campigiani di Lucchesi sono arrivate 12 vittorie e solo 1 pareggio: quello a reti bianche di due domeniche fa contro il Quarrata Olimpia. Nell’ultimo turno la vittoria nel big match contro il Firenze Ovest terzo in classifica ha reso davvero probabile il raggiungimento della forbice: i punti di vantaggio del Castelnuovo sono adesso 7 a 9 giornate dal termine. Se dovessero diventare 10, Gori e compagni eviterebbero di giocare i play off, infrangendo così le speranze delle numerose squadre in lotta per il terzo posto. In vetta resta l’Aglianese a quota 49, con 5 lunghezze di vantaggio proprio sul Castelnuovo. “Il primo obiettivo è quello di evitare i play off. Poi speriamo che l’Aglianese perda qualche colpo. Non sarà facile ma noi ci crediamo”, ha concluso la “saracinesca” Gonnella, ormai al suo quarto anno a Castelnuovo tra Eccellenza e Promozione, dopo aver militato per sette anni nel Pieve Fosciana tra Prima e Seconda Categoria ed essere cresciuto nella Berretti della Massese, dove fu anche aggregato alla prima squadra.

FONTE: Il Tirreno