Quinews Radio Bruno Toscana

Serie C

DG Pontedera: "Semifinale Coppa una soddisfazione"

della di Coppa contro l'Alessandria, ha dichiarato: "Viviamo quest'attesa con grande spensieratezza ma anche con la convinzione di voler riscattare la gara contro l'Alessandria in campionato. Per noi, considerando l'età media e la rosa a disposizione, è una grande soddisfazione. In campionato nelle ultime giornata ci ha dato entusiasmo e coraggio. Credo che a breve potremmo festeggiare la salvezza e mettere in vetrina qualche nostro giocatore anche in Coppa. Il ritorno in casa? Non credo sia un vantaggio. Ad oggi, anche vista la condizione dei Grigi, loro vinceranno al 90%. Noi però comunque vogliamo evitare di perdere nettamente come successo in campionato. Noi viviamo anche di piccole soddisfazioni e sarebbe bello avere un ritorno in casa da giocarci. Ad Alessandria cercheremo di limitare i danni. Siamo comunque già contenti di quanto fatto, ricordiamoci che dopo sette giornate, una squadra come noi che ha solo quattro o cinque over e cambia quasi tutti i giocatori, aveva solo due punti. Abbiamo quindi una media punti molto alta. Nessuno fa quello che facciamo noi con i giovani, la Lega lo certifica, sappiamo i sacrifici che facciamo. Poi ci sta incappare in partite storte come un mese fa ad Alessandria. Questi punti e le vittorie a Livorno e a Siena non ce le ha regalate nessuno. A volte però siamo stati sciagurati, vedi le sconfitte con Cuneo e con i Grigi. E' bello però lavorare con i giovani e poi vederli salire in Serie B, ogni hanno qualcuno va, rappresentiamo per questi ragazzi un trampolino di lancio".  Fonte: TuttoC.com

DG Pontedera: "Semifinale Coppa una soddisfazione"

della di Coppa contro l'Alessandria, ha dichiarato: "Viviamo quest'attesa con grande spensieratezza ma anche con la convinzione di voler riscattare la gara contro l'Alessandria in campionato. Per noi, considerando l'età media e la rosa a disposizione, è una grande soddisfazione. In campionato nelle ultime giornata ci ha dato entusiasmo e coraggio. Credo che a breve potremmo festeggiare la salvezza e mettere in vetrina qualche nostro giocatore anche in Coppa. Il ritorno in casa? Non credo sia un vantaggio. Ad oggi, anche vista la condizione dei Grigi, loro vinceranno al 90%. Noi però comunque vogliamo evitare di perdere nettamente come successo in campionato. Noi viviamo anche di piccole soddisfazioni e sarebbe bello avere un ritorno in casa da giocarci. Ad Alessandria cercheremo di limitare i danni. Siamo comunque già contenti di quanto fatto, ricordiamoci che dopo sette giornate, una squadra come noi che ha solo quattro o cinque over e cambia quasi tutti i giocatori, aveva solo due punti. Abbiamo quindi una media punti molto alta. Nessuno fa quello che facciamo noi con i giovani, la Lega lo certifica, sappiamo i sacrifici che facciamo. Poi ci sta incappare in partite storte come un mese fa ad Alessandria. Questi punti e le vittorie a Livorno e a Siena non ce le ha regalate nessuno. A volte però siamo stati sciagurati, vedi le sconfitte con Cuneo e con i Grigi. E' bello però lavorare con i giovani e poi vederli salire in Serie B, ogni hanno qualcuno va, rappresentiamo per questi ragazzi un trampolino di lancio".  Fonte: TuttoC.com

Lucchese, ecco date e orari delle partite della Pantera sino al termine del campionato

Ecco orari e giorni in cui giocherà la Lucchese di qui a fine campionato di serie C girone A

 

SABATO 3 MARZO Lucchese-Pistoiese ore 14,30

SABATO 10 MARZO Lucchese-Gavorrano ore 16,30

SABATO 17 MARZO Carrarese-Lucchese ore 14,30

MARTEDI’ 20 MARZO Lucchese-Viterbese ore 18,30

SABATO 24 MARZO Prato-Lucchese ore 16,30

GIOVEDI’ 29 MARZO  Alessandria-Lucchese ore 18,30

SABATO 7 APRILE Lucchese-Arzachena ore 14,30

SABATO 14 APRILE Giana Erminio-Lucchese ore 14,30

SABATO 21 APRILE Lucchese-Olbia ore 14,30

Sabato 28 APRILE RIPOSO

Sabato 5 maggio Lucchese-Pro Piacenza ore 16,30.

Info biglietti pisa-Lucchese

E' attiva dalle ore 16,30 di martedì 20 febbraio sul circuito Bookingshow la prevendita dei tagliandi validi per la gara Pisa – Lucchese, in programma domenica 25 febbraio alle ore 14,30.

Costo del biglietto Settore Ospiti (Curva Sud): € 10,00. Si informa la tifoseria che, in relazione alla gara in oggetto, l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive ha così determinato: tutti i residenti nella Provincia di Lucca potranno acquistare ESCLUSIVAMENTE biglietti del Settore Ospiti (Curva Sud). Si raccomanda l’acquisto dei tagliandi in prevendita nei punti vendita Bookingshow più vicini a Lucca che vi indichiamo di seguito:  Itinera Accoglienza, Via vecchia porta San Donato Piazzale Verdi Lucca (0583-583150) con il seguente orario: 10-13 e 14-15.30. Altre modalità d’acquisto:

– On-line seguendo la procedura apposita sul sito www.bookingshow.it

Si ricorda che per acquistare i biglietti, massimo 4 a persona, è obbligatorio presentare un valido documento di identità (Carta di Identità, Passaporto o Patente) o la nuova Fidelity Card per tutti gli intestatari dei biglietti. Per i minori di 14 anni è sufficiente il codice fiscale o la tessera sanitaria.

Pres. Robur: "Fallimento Arezzo condizionerebbe il girone"

Intervista a trecentosessanta gradi quella rilasciata dal presidente della Robur Siena, Anna Durio a Rtv (emittente di San Marino). Questo uno stralcio delle sue dichiarazioni, così come raccolto da sienaclubfedelissimi"Noi ci giocheremo tutto fino alla fine, siamo partiti per fare un bel campionato e non ci aspettavamo questa situazione, ma l’appetito vien mangiando. La cosa positiva è la crescita della squadra e l’unità del gruppo. Sognare? Cerco di stare coi piedi per terra. Però mi diverto, esprimiamo un bel calcio. È divertente vedere il Siena. Dove vogliamo arrivare? Il più alto possibile. Calciomercato? Io ho messo un budget, poi ci pensa mio figlio. E’ giovane, non me la sono sentita di farlo presidente, ma è lui che conosce tutto del lato sportivo. Il ds è Dolci, però collaborano molto. Tanti fallimenti in C? Spero che l’Arezzo possa continuare, un fallimento condizionerebbe il campionato. C’è qualcosa da cambiare alla base, la politica dovrebbe stare lontana dallo sport. Sono apolitica, vado a votare perché è un dovere e un diritto ma lo sport è una cosa, la politica un’altra. Centro sportivo? Spero di finire i lavori per aprile, purtroppo l’aver iniziato i lavori a dicembre ha complicato il tutto ma io le cose le voglio fare in regola. C’è un dispendio esagerato per l’affitto dei campi, tante movimentazioni. Tra l’altro quel campo che stiamo rifacendo era in deroga, non più a norma. C’è una scuola calcio, il Siena Nord, lo utilizzeremo insieme a loro. Non ho mai avuto niente contro i soci di minoranza. Io vorrei dei soci che mi aiutassero e supportassero, e invece me li sono ritrovata tutti contro. Mi ritrovo con denunce, impugnazioni. Nuovi ingressi? Se ci fosse qualcuno serio e credibile. Ho già avuto più di un contatto interessato, ma il Siena non l’ho mai messo in vendita".

Fonte: TuttoC.com

Arezzo, Moscardelli: "Adesso non crediamo più a nessuno"

In casa Arezzo ha parlato dell'attuale situazione, l'attaccante e il capitano Davide Moscardelli (in foto). Ecco le sue parole a gianlucadimarzio.com: "C’è rabbia, c’è delusione, c’è rammarico. Rabbia per come è accaduta questa vicenda. Per come hanno trattato le persone, non i giocatori. E’ stata presa in giro una città intera. Non crediamo più a quello che ci viene detto. Ne abbiamo sentite troppe. Sono stati mesi d’inferno. Trasferta a Pontedera da soli? Una cosa mai vissuta tra i professionisti, in Promozione sì. Quando mi accompagnava mio padre. Quella scadenza era il giovedì ed era troppo vicina per creare scompiglio così, la scelta più ovvia era giocarla. Ma quei pochi soldi nelle casse dell’Arezzo li abbiamo usati per pagare i dipendenti che sono quelli che ci rimetteranno di più nel caso in cui finisca tutto male. Per questo abbiamo deciso di andare a spese nostre. E’ stata una partita sentita, c’era una situazione strana. Abbiamo cercato di vincere anche per i tifosi che ci hanno seguito e sempre sostenuto. Ce l’abbiamo messa tutta per loro. Il vice presidente del Pontedera, vista la situazione, ci ha invitato a cena perché poi la partita è finita alle 21. E’ stato un gesto importante, un gesto che ha toccato un po’ tutti. Dopo Modena e Vicenza, bisogna cambiare qualcosa. Lo dico non solo per l’Arezzo ma in generale per il futuro del calcio italiano, per evitare che succeda ancora. Andare via non sarebbe stato facile. Non l’ho mai fatto, in 15 anni di carriera una sola volta sono stato ceduto a gennaio e non era una cosa voluta da me. Quando comincio una cosa mi attacco. E poi è difficile cambiare idea. Tifosi? Si è instaurato un gran rapporto perché hanno visto che ragazzi siamo, non abbiamo mai mollato. Abbiamo fatto vedere che ci teniamo a quello che facciamo, perché è ciò che ci piace: andare in campo, divertirci, sentire la pressione prima della partita, festeggiare dopo. E queste sono tutte cose che ci stanno togliendo. Mi auguro che vada tutto bene ma la vedo difficile. La speranza però, un briciolo la teniamo ancora viva. Ma non dipende solo da noi. Anche le autorità, le persone intorno ad Arezzo che hanno detto che avrebbero dato una mano. Questo è il momento giusto per farsi vedere e per fare quello che hanno sempre detto. L’appello del nostro comunicato era anche per loro. Aspettiamo cosa succederà questa settimana e pregheremo, non lo so. Se non succede qualcosa di grosso e concreto noi non scenderemo in campo domenica. Bisogna vedere quello che succede. Ma non più solo a parole". Fonte: TuttoC.com