Quinews Radio Bruno Toscana

Empoli FC

Marcello Carli: “Se pensiamo alle disgrazie altrui siamo dei perdenti. Chiedo scusa per il mancato saluto della squadra”

Quando si perde è giusto che ti girino le scatole, anche se abbiamo perso contro una squadra più forte di noi. Dispiace soprattutto per quello che poteva essere ma non è stato, per quanto mi riguarda si può e si deve fare meglio e questa squadra non ha ancora espresso del tutto le sue potenzialità. È vero il campionato non è iniziato ieri ma abbiamo anche cambiato il fantasista, ruolo chiave nel nostro sistema, e ora abbiamo giocato le ultime due partite senza il nostro attaccante più prolifico,abbiamo bisogno di lavorare insieme per due o tre settimane dando il massimo. Dobbiamo metterci tutti in testa che serve un gran finale di stagione, dobbiamo fare i punti e non aspettare i risultati delle altre. Il nostro obiettivo deve essere quello di andare a prendere quelle davanti, perché se pensiamo di costruire la nostra salvezza sulle disgrazie altrui siamo dei perdenti e siamo retrocessi mentalmente. Se pensiamo di aver già perso la prossima partita allora l’abbiamo già persa, dobbiamo inseguire i nostri sogni con un pizzico di follia. Se la squadra dopo la partita di sabato non ha salutato i tifosi ha sbagliato, senza dubbio, posso capire che fossero arrabbiati per aver perso ma i nostri tifosi meritano rispetto, soprattutto quelli che ci sono sempre stati, è un gesto di rispetto che meritano ampiamente. Oggi ne parlerò nello spogliatoio ma  pubblicamente mi scuso con la nostra gente.

Le interviste post gara dell'Empoli

Domani la ripresa dei lavori

Domenica di riposo per gli azzurri dopo l’impegno di ieri sera contro la Lazio, una gara che ci ha visto fare un passo indietro rispetto alla gara di Milano, ma una gara beffarda visto come si era messa la partita. La squadra tornerà in campo domani, nel primo pomeriggio, per iniziare a preparare la prossima gara che sarà ancora più difficile. Sabato sera alle ore 20:45 ci aspetta la Juventus nel suo stadio, una partita in cui davvero stavolta non c’è niente da perdere, una partita che pero’ rappresenta sicuramente un appuntamento importante per squadra e tifosi. Alla ripresa ci saranno da valutare le condizioni di alcuni giocatori, a partire da Levan che anche ieri ha dovuto dare forfait per il suo problema alla schiena, problema che sembrerebbe in via di risoluzione e quindi ci sono buone speranze di vederlo in gruppo già dai primi giorni e poi in campo a Torino. Saranno da capire bene pero’ anche le condizioni di Croce e Laurini che ieri hanno dovuto abbondare il campo a gara in corso per dei problemi fisici. Preoccupa “Il Prestigiatore” che arrivava alla gara con la Lazio da una settimana molto particolare nella quale di fatto non si era mai allenato con i compagni, ieri a venti minuti dalla fine si è accasciato toccandosi la coscia e lamentando un problema muscolare. Saranno le eventuali defezioni a modificare eventualmente una formazione che, con il 4-3-1-2, sembra già fatta fin da adesso. Noi seguiremo attentamente l’evoluzione di questa particolare settimana che ci porterà alla difficilissima sfida con la Juve, una gara in cui si potrà chiedere alla squadra il massimo impegno ma che di fronte ci metterà a coloro che in questo momento rappresentano il meglio del calcio italiano.

Serie A:Empoli-Lazio 1-2. Seconda sconfitta consecutiva per gli azzurri.

Krunic apre le marcature con un gran destro da lontano, Immobile in meno di un minuto pareggia. Keita nel finale regala i tre punti alla Lazio.

EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski; Laurini; Bellusci; Costa; Pasqual; Krunic; Diousse; Croce; El Kaddouri; Pucciarelli; Maccarone.

A Disp: Pelagotti; Zambelli; Dimarco; Veseli; Barba; Cosic; Jose Mauri; Zajc; Buchel; Tello; Thiam.

Allenatore: Giovanni Martusciello

LAZIO (4-3-3): Strakosha; Basta; Wallace; Hoedt; Radu; Parolo; Biglia; Milinkovic; Felipe Anderson; Immobile; Lulic.

A Disp: Borrelli; Vargic; De Vrij; Gabarron; Lukaku; Bastos; Crecco; Murgia; Abukar; Djordjevic; Tounkara; Keita.

Allenatore: Simone Inzaghi

ARBITRO: Sig. Rizzoli di Bologna. Assistenti: Di Liberatore/Di Iorio. Di Porta: Russo/Ros

 

Termina con una sconfitta per l'Empoli la gara di questa sera tra gli azzurri e la Lazio. La Lazio dopo essere andata sotto riesce a ribaltare il risultato e a portare a casa l'intero bottino. 

Una partita molto vivace sin dai primi minuti, l'Empoli nei primi dieci minuti fa vedere delle buone cose ma la squadra di Inzaghi cresce minuto dopo minuto, Immobile, Lulic Parole ed Anderson  tentano in diverse occasioni a rendersi pericolosi e Skorupski si dimostra, per l'ennesima volta , una sicurezza tra i pali, permettendo alla propria squadra di andare a riposo sul parziale a reti bianche. 

Le reti arrivano tutte nella seconda frazione, a sbloccare la gara al 21' è Rade  Krunic che fa partire un destro sontuoso sul quale Strakosha non può nulla. Nemmeno il tempo di esultare e la Lazio pareggia, Immobile in area di rigore supera Bellusci, errore del difensore azzurro, andando a mettere il pallone in rete. 1-1 e tutto da rifare.

Croce costretto a lasciare il campo per infortunio cede il posto a Mauri, Thiam per Maccarone e Veseli per Laurini. L'Empoli soffre gli attacchi dei biancocelesti ed al 34' la Lazio trova la seconda rete con Keita, assist di Anderson, Costa respinge in malo modo e il centrocampista laziale mette dentro, complice un tocco sempre del difensore Costa.

Seconda sconfitta consecutiva per gli azzurri in due giornate, rimane il distacco rispetto al precedente turno con le squadre sottostanti viste le sconfitte di Crotone e Palermo. Gli azzurri nel prossimo turno andranno a sfidare la Juventus allo Juventus Stadium, mentre la Lazio ospiterà la Sampdoria dell'ex mister Giampaolo.

Martusciello: Vogliamo sfruttare il Castellani, per me Lazio più forte dell´Inter"

Il tecnico Giovanni Martusciello, ha parlato al termine della seduta pomeridiana alla vigilia della difficile sfida di domani sera contro la Lazio. "Il livello di difficoltà della gara di domani sera è molto alto - ha detto Martusciello - Secondo me, la Lazio è più forte dell´Inter per imprevedibilità, forza, velocità e capacità offensive . La squadra è allenata bene, ha velocità, dinamismo e poteva avere più punti di quelli che ha in classifica".
L´allenatore azzurro ammette che questa settimana è stata un po´ difficile: "Non è stata una settimana di lavoro straordinaria, innanzitutto perché è stata una settimana corta. Il primo allenamento vero di squadra lo abbiamo avuto giovedì, e purtroppo queste squadre ti impegnano in maniera forte e il lavoro sul campo diventa determinante. Purtroppo siamo riusciti a fare solo un allenamento sul l´intensità. E´ stata una settimana anomala anche perché ci sono stati diversi giocatori che rientravano da infortuni".
Non esistono ricette certe per vincere le partite, ma il tecnico sa cosa chiedere ai suoi giocatori: "Per fermare la Lazio, chiedo ai ragazzi di giocare la partita con le armi che conosciamo. In queste gare devi sperare che, queste squadre non mettano il cento per cento, cosa che invece devi fare tu. Anche contro l´Inter abbiamo giocato senza timore reverenziale e credo che sia importante passare dalle prestazioni per arrivare ai risultati". 
Il tecnico si riserba ancora ventiquattro ore per decidere l´undici iniziale: "Ho qualche dubbio derivante dalla settimana di lavoro anche perché domani sarà una partita dall´impegno fisico notevole. In casa andiamo meglio, anche grazie all´aiuto della gente, speriamo di riuscire a mantenere questo andamento fino alla fine".
Al termine della conferenza piccolo amarcord con Martusciello che ricorda un Empoli- Lazio (21 settembre 1997) che segnò la sua prima rete in serie A e che coincise con la vittoria degli azzurri per 1-0: "Di quella partita mi ricordo tutto. Era la mia terza partita in serie A e fu il mio primo gol nella massima serie. Avevo fatto uno scatto di quattro metri, quando vidi la palla entrare mi sembrava di aver scattato per cento, fu una sensazione stupenda. ricordo anche l´emozione di Roccati che nel finale parò il rigore di Signori. Speriamo domani di potersi ripetere, non sarebbe male".



Fonte: Empoli FC