News on-line dalla Toscana

Ascolta l'ultima edizione del radiogiornale
   
Serie A
AddThis Social Bookmark Button


Dopo l'infortunio di Mario Gomez Montella dovrà trovare una soluzione: Bernardeschi o Babacar dal primo minuto Stampa
Serie A
Scritto da Redazione   
Martedì 23 Settembre 2014 04:45

Dopo la brutta notizia arrivata ieri dell'infortunio di Mario Gomez, Montella ha subito iniziato a pensare a come sostituire il proprio attaccante principale, condizione che gli è già capitata l'anno scorso e che come una maledizione si è riproposta anche in questo inizio stagione.

AddThis Social Bookmark Button
Leggi tutto...
 
FIORENTINA: PROVVIDENZA KURTIC, NETO DETERMINANTE, AQUILANI OK Stampa
Serie A
Scritto da Redazione   
Domenica 21 Settembre 2014 20:02

 

 

 Pradè commenta la gara

Prima vittoria in questo campionato per la Fiorentina che supera di misura l'Atalanta nella trasferta di Bergamo per 1-0, grazie a un gol di Kurtic al 58° minuto quando era in campo da appena due giri di lancette. La squadra di Montella si porta a quota 5 punti. Ecco le pagelle dei viola.

NETO – Provvidenziale nello sporcare con il piede la conclusione a botta sicura di Boakye, resta attento anche sul successivo tentativo di Estigarribia. Altrettanto presente sulla punizione di Cigarini in avvio di ripresa. Ancora decisivo deviando sul palo un nuovo tentativo di Boakye. Determinante, 7,5.

SAVIC – In avvio scivola al momento buono su D'Alessandro che mette Boakye a tu per tu con Neto. Si rifà, sempre su D'alessandro, dopo una mezz'ora del primo tempo anche se il duello prosegue e nella ripresa è l'atalantino ad anticiparlo di testa. Nel finale, dopo l'ingresso di Micah, si sposta sulla sinistra. Sicuro, 6.

RODRIGUEZ – Al centro della linea a tre si trova nel suo habitat naturale. E può dirigere anche l'avvio della manovra. In apertura di secondo tempo usa le maniere forti con Boakye rimediando il cartellino giallo. Non è impeccabile, sempre sull'attaccante nerazzurro, in occasione del secondo palo orobico. Nel finale di gara la scivolata su Boakye vale mezzo voto in più, 6,5.

AddThis Social Bookmark Button
Leggi tutto...
 
La Massese batte agli "Oliveti" la Voluntas Spoleto 4-2 Stampa
Serie A
Scritto da Redazione   
Domenica 21 Settembre 2014 19:06
 

Massese: Barsottini, Anedda, Lorenzini ( 53' Cinquini), Rosaia, Parenti, Milianti, Remorini (83' Angeli), Campinoti (62'Taddei), Fusco, Cargiolli, Crafa. A disp. Mussi, Ferrante, Zambarda, Bugliani, Dell'Amico, Ceccarelli. All. Danesi.

Voluntas Spoleto: Lazzarini, Nori, Cavitolo, Gramaccioni (46' Mulas), Cesari, Mardare, Maulini (58' Settimi), De Santis, Di Giuseppe (65' Di Salvatore), Noviello, Cirillo. A disp.  Bravini, Galli, Giata, Mihai. All. Brevi.

Arbitro: Gualtieri di Asti.

Reti:  3' Cargiolli, 24'Fusco, 58' Cirillo, 64' Crafa, 72' Fusco, 91' Cesari.

Note: Spettatori 230, espulsi al  53' Cavitolo, al  90'Cargiolli. Ammoniti Cargiolli, Crafa, Nori, Noviello e Cirillo. 7.

AddThis Social Bookmark Button
Leggi tutto...
 
LA FIORENTINA IN EUROPA LEAGUE BATTE IL GUINGAMP 3-0 Stampa
Serie A
Scritto da Benedetta Bolognesi   
Venerdì 19 Settembre 2014 07:53

Il Guingamp fa rima con Forrest Gump ma la vittoria viola è pesante, la Fiorentina è giustamente interessata alla sostanza perché le circostanze precedenti _ un punto in due partite _ le suggeriscono che l’unica cosa da fare è prendersi tre punti: obiettivo raggiunto in prima battuta grazie a una zuccata di Vargas (assist del nuovo), che nell’occasione sostituisce Gomez nell’esercizio della facoltà di centravanti.

Raddoppia Cuadrado nel secondo tempo e l’obiettivo è raggiunto quasi in scioltezza. Il tris di Bernardeschi (bel sinistro nel finale) chiude il conto allargando il sorriso viola. La Fiorentina segna il primo gol della stagione dopo 214 minuti, più che un’esultanza assomiglia dunque a una specie di liberazione. I francesi sono giovani e all’inizio giocano liberi di testa, in attacco hanno una saetta (Mandanne) e ci provano soprattutto da lontano. Uno sciame bianco in gita di studio, indebolito oltretutto dall’espulsione di Diallo al 37’.
La Fiorentina parte prudente e migliora dopo il gol, che aggiunge libertà di pensiero a una squadra consapevole di dover vincere. Borja circoscrive il suo impegno, ma resta lontano dall’eccellenza delle scorse stagioni: un colpo al ginocchio suggerisce a Montella il cambio con Badelj, che nel secondo tempo gioca da interno sinistro.

 E Gomez? L’impegno viene depotenziato da una macchinosità ancora superiore ai minimi sindacali e ci si chiede se anche per uno come Mario _ che ha segnato più di 300 reti in carriera _ la sindrome dell’astinenza influisca sull’efficacia. Nel secondo tempo entra anche Richards (buoni spunti con Cuadrado). Pizarro sfiora il raddoppio, ma il gigantesco portiere Samassa si allunga come Tiramolla e con le unghie devia il destro destinato all’angolino, poi Cuadrado raddoppia su lancio di Pizarro e Bernardeschi (entrato al posto di JC11) trova l’angolino da lontano. Tre a zero, poco altro da aggiungere a parte la buona partenza in Europa League. E di questi tempi non è poco.

Fonte:Fiorentina.it

AddThis Social Bookmark Button
 
Fiorentina-Guingamp, tutto a casa Stampa
Serie A
Scritto da Antonio Lenoci   
Giovedì 18 Settembre 2014 15:27
Dal Genoa al Guingamp, tutto a casa. Dallo zero a zero casalingo che ha offerto occasioni sprecate malamente contro una squadra in inferiorità numerica, alla prima gara della competizione europea che potrebbe aprire le porte della Champions.
Ma sarà davvero il caso di pensare fin da ora alla vittoria? Nel tempio dei Campioni si arriva anche vincendo in campionato, cosa che i viola possono fare solo se iniziano a segnare.

Mario Gomez è stato messo in discussione come solo la piazza gigliata riesce a fare, arrivando a rinnegare quella presentazione che ha visto l'Artemio Franchi pieno di tifosi esultanti all'arrivo del bomber tedesco. Curioso, lo Stadio era stracolmo, ma oggi risulta non esserci andato nessuno. "E' un diesel?" cantava Francesco Salvi che spostava le macchine negli anni '80; sì il tedesco parte piano e, senza infortuni nel mezzo, può fare la sua parte con grande orgoglio.

Ma fino a che si mette in discussione il goleador, nelle regole del calcio, ci può stare. Il problema è mettere in discussione il mister e il direttore sportivo dopo due gare ufficiali.
AddThis Social Bookmark Button
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 206